cloud pmi

Innovation voucher. Via ai finanziamenti

Fino a 10.000 euro di innovation voucher. Il Piano Destinazione Italia per la digitalizzazione delle PMI prende finalmente il via

Secondo fonti ufficiali, proprio in questi giorni, il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) e il MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze) hanno sbloccato il piano di digitalizzazione delle PMI (Piccole e Medie Imprese), firmando il decreto Destinazione Italia del dicembre 2013 che consente a moltissime micro, piccole e medie imprese italiane di accedere afinanziamenti fino a 10.000 euro a fondo perduto. I fondi (innovation voucher) – orientati a favorire gli investimenti in ambito ICT (Information & Communication Technology) – sono stati stanziati per consentire di sviluppare siti e-commerce, migliorare l’efficienza aziendale o acquisire servizi di connettività a banda larga o satellitari e, in generale, per garantire la digitalizzazione e l’ammodernamento tecnologico delle PMI italiane.

Se vuoi essere contattato in merito all’Innovation Voucher compila il form a fondo pagina

Dalla data di introduzione del decreto Destinazione Italia, a quella della sua entrata in vigore sono trascorsi dieci mesi in quanto sono stati necessari due decreti, uno del Ministro dello Sviluppo Economico (che disciplina le modalità di accesso agli innovation voucher) e uno del Ministro dell’Economia (che definisce le risorse a disposizione delle aziende). Trattandosi di una misura dai contenuti molto ampi, le imprese che vogliono ottenere quanto previsto dalla norma dovranno attivarsi con una certa sollecitudine nel richiedere l’accesso al finanziamento.

L’art. 6 del D.L. n. 145 del 2013 disciplina l’impiego dei fondi da parte delle imprese stabilendo che questi devono essere utilizzati per l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano:

  • Il miglioramento dell’efficienza aziendale;
  • La modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro;
  • Lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  • La connettività a banda larga e ultralarga;
  • Il collegamento alla rete mediante la tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto o l’attivazione di decoder e parabole, nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l’accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terrestri o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibili economicamente o non realizzabili;
  • La formazione qualificata nel campo ICT, del personale delle piccole e medie imprese.

Il contributo cui fa riferimento la norma è pari al 50% delle spese ammissibili e raggiungerebbe il valore massimo previsto (10.000 euro) nel caso in cui l’investimento fosse almeno pari a 20.000 euro.

innovation voucher

Le condizioni per accedere agli innovation voucher:

  • Essere una micro, piccola o media impresa;
  • Aver dichiarato, in sede di presentazione della domanda, che l’importo richiesto non determina il superamento del “massimale de minimis” cui è soggetta la misura;
  • Non aver ricevuto altri contributi pubblici per le medesime spese;
  • Non essere sottoposte a procedura concorsuale;
  • Non trovarsi in stato di fallimento
  • Non trovarsi in stato di liquidazione o liquidazione volontaria;
  • Non trovarsi in stato di amministrazione controllata o di concordato preventivo;
  • Essere un’impresa in piena attività produttiva.

La presentazione delle domande per accedere agli innovation voucher potrà essere fattaesclusivamente per via telematica, tramite la procedura che sarà resa disponibile sul sitowww.mise.gov.it a partire dalla data fissata con apposito provvedimento dal MISE.

Per ricevere maggiori informazioni puoi chiamarci al numero 0587749274 o riempire il seguente modulo:


[contact-form-7 404 "Not Found"]

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca